Rimini: CIDA Emilia Romagna incontra i candidati Sadegholvaad, Ceccaroli e Lisi.

La Confederazione dei dirigenti mette a disposizione della città le proprie competenze manageriali


Rimini, 22 settembre 2021 – In occasione delle prossime elezioni amministrative comunali di Rimini, CIDA, la Confederazione sindacale che in Emilia Romagna rappresenta oltre 10.000 manager, tra dirigenti e alte professionalità di tutti i settori socio-produttivi, pubblici e privati, raccolti in 11 Federazioni, ha incontrato i candidati sindaco Jamil Sadegholvaad, Fabio Ceccaroli e Gloria Lisi per un confronto sul futuro della città, come precedentemente fatto per Bologna e in fase di realizzazione a Ravenna.

Durante gli incontri, coordinati dal segretario di CIDA Emilia Romagna, Paolo Longobardi, con il supporto di Piero Venturelli, rappresentante Manageritalia in CIDA Emilia Romagna, e di Claudio Sirri, Presidente Federmanager Forlì-Cesena-Rimini e Rep. di San Marino, i candidati sono stati invitati ad esprimersi su una serie di argomenti di interesse per la comunità manageriale: Rimini capitale del turismo balneare, congressuale-fieristico e recentemente definita anche città d’arte; la mobilità; l’ambiente (riqualificazioni/nuove realizzazioni, oltre al progetto del parco eolico); il polo universitario; il rapporto tra società civile e volontariato.

CIDA ha voluto allargare il confronto sul recente claim ‘Rimini città dell’arte e della cultura’ (Fellini, Musei comunali, nuovo Teatro, etc.) e sulla riqualificazione delle piccole strutture immobiliari turistiche in disuso. L’obiettivo è dare concretezza e soluzione alle problematiche relative alla necessità di una ulteriore riqualificazione della struttura turistica riminese, sia come capacità alberghiera, sia come sistema urbano, della mobilità e dell’uso della spiaggia.

Altro argomento di dialogo con i candidati, ha riguardato il futuro della Fiera di Rimini e la possibile fusione con Bologna Fiere: rilevanti, infatti, sono le implicazioni, anche internazionali, e per l’importante indotto economico sui territori di riferimento.

Sul tema della mobilità risulta poi necessario definire un piano preciso e tempestivo che risolva alcuni problemi ricorrenti (le conseguenze della pur positiva chiusura del Ponte di Tiberio; un nuovo casello autostradale Rimini Fiera; il prolungamento del trasporto rapido costiero Metro Mare; il potenziamento del trasporto ferroviario; il futuro dell’Aeroporto di Rimini; la necessità dell’aumento dei parcheggi).

Sul piano dell’ambiente, concentrandosi sull’ aspetto della produzione energetica verde/pulita e, parallelamente, del suo impatto ambientale, la Federazione vuole approfondire le proposte, emerse nei mesi precedenti, di realizzare parchi eolici in mare.

Relativamente all’ aspetto sociale della città, si nota come Rimini sia molto ‘ricca’ di un associazionismo che svolge un’importante funzione sussidiaria dell’Ente Pubblico: in questi anni le risorse a favore di queste realtà sono sensibilmente diminuite ma risulta, al contrario, importante individuare modi per sostenerle e permetterne una continuazione.

CIDA Emilia Romagna, insieme alle proprie federate, si è messa a disposizione della futura Amministrazione per collaborare con le proprie competenze manageriali allo sviluppo della città, offrendo ogni contributo utile.

A conclusione dei rispettivi incontri Paolo Longobardi, Segretario regionale CIDA Emilia Romagna, ha salutato e ringraziato i candidati con la promessa di un impegno: “Il manager è abituato ad immaginare le proprie competenze a disposizione non solo della propria azienda, o ente, ma anche del mondo e della realtà che lo circonda. La richiesta che avanziamo è quella di utilizzate le nostre competenze.

Tutti e tre i candidati hanno espresso un grande apprezzamento per la proposta: Sadegholvaad ha sottolineato “la necessità e l’importanza di dialogare in modo continuo con le istituzioni”; Ceccarelli ha insistito sulla necessità “di portare un approccio manageriale nel pubblico”; Lisi ha preso l’impegno, in caso di elezione, “di concordare subito un incontro per elaborare le sinergie”.

Gli incontri si sono svolti online sulla piattaforma Zoom e saranno a breve a disposizione sulla piattaforma YouTube di CIDA.










Archivio
Categorie
Articoli Recenti